Progetto “Social Neetwork”

Progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Avviso Talenti – Plico 66

Il progetto Social Neetwork ha permesso a tante opere (19) che operano sul territorio nazionale italiano di rivolgersi a tutti quei giovani (in totale hanno seguito il percorso 43 giovani) che, pur essendo dotati di competenze, abilità e talenti specifici faticano ad entrare e ad inserirsi nel mondo del lavoro.

 Il progetto si è sviluppato a livello locale all’interno di realtà che operano sul territorio attraverso attività di accoglienza, attività educative, sportive e attività di inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

Per poter raggiungere tale obiettivo, attraverso il progetto si è lavorato per far acquisire ai destinatari competenze specifiche relative all’ambito sociale ed educativo, attraverso un percorso formativo di tipo non convenzionale, al fine di verificare in che modo le competenze, le professionalità e i talenti già in loro possesso possano essere utilizzabili in tale ambito, con lo scopo di realizzare attività educative e assistenziali innovative. Tale corso era strutturato con momenti di lavoro nazionali (che abbiamo chiamato momenti di Formazione Plenaria) realizzati in contesti territoriali significativi o all’interno di opere d’accoglienza coinvolte nel progetto stesso.

Il Progetto

Il progetto Social Neetwork è stato finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, nell’ambito dell’Avviso pubblico ‘Sostegno ai giovani talenti’, per il finanziamento di azioni volte a sostenere i giovani nell’espressione del proprio talento e della creatività, attraverso iniziative che consentano di valorizzare le loro esperienze e competenze anche nel campo dell’innovazione tecnologica.

Soggetti proponenti

Federazione Centri di Solidarietà

Soggetto capofila del progetto, che si è occupata della gestione, dell’organizzazione e della realizzazione di tutte le fasi del progetto.

La Federazione Centri di Solidarietà è un’associazione nazionale di promozione sociale che riunisce nella propria rete oltre 100 centri di solidarietà in tutto il paese. La federazione realizza una preziosa attività di coordinamento tra i numerosi Cds di Italia, opere impegnate a vari livelli nell’accoglienza, l’accompagnamento e l’introduzione di persone alla vita attiva (studio e lavoro).

ASCLA – Associazione Scuolee. Lavoro

Associato alla capofila, ha lavorato ASCLA – associazione scuole e lavoro, una associazione che lavora avendo a cuore le persone e i loro progetti di vita la cui realizzazione favorisce anche lo sviluppo delle aziende con cui collaborano e del territorio in cui vivono fornendo a imprese, giovani, lavoratori e persone disoccupate le opportunità, le conoscenze e gli strumenti necessari per competere e posizionarsi al meglio in un mercato del lavoro che cambia e si trasforma continuamente.

All’interno del progetto ASCLA ha partecipato a tutte le attività previste dal progetto, avendo la responsabilità diretta delle azioni relative a tutta la fase 4 (cioè a tutti gli aspetti formali relativi alla formazione in aula) e parte della fase 3 (monitoraggio e valutazione del percorso formativo messo in atto grazie al progetto). Il valore aggiunto garantito dal coinvolgimento di ASCLA è stato quello di garantire un alto livello di trasmissione delle competenze e conoscenze specifiche durante l’attività formativa in aula e di assicurare un supporto di tipo logistico e amministrativo durante lo svolgimento di tutte le fasi del progetto. ASCLA ha inoltre supportato l’organizzazione della proponente anche per quanto riguarda la creazione di strumenti di monitoraggio e verifica dei risultati ottenuti adeguati e efficaci.

Obiettivi del progetto

Obiettivo generale

Valorizzare i giovani e sostenerli nella scoperta delle proprie potenzialità finalizzate a potenziare la loro occupabilità e la possibilità di realizzare nuove idee imprenditoriali.

Obiettivo specifico 1

Far acquisire ai destinatari competenze specifiche relative all’ambito sociale ed educativo al fine di verificare in che modo le competenze, le professionalità e i talenti già in loro possesso possano essere utilizzabili in tale ambito con lo scopo di realizzare attività educative e assistenziali innovative.

Obiettivo specifico 2

Sviluppare dinamiche efficaci relative alla creazione di nuove attività sociali con il contributo dei giovani coinvolti favorendo quindi nuova occupazione e servizi  innovativi.

Obiettivo specifico 3

Favorire la creazione a livello locale di nuove realtà sociali o nuovi rami di impresa in realtà già esistenti con il coinvolgimento dei destinatari del progetto.

Obiettivo specifico 4

Favorire la nascita di una nuova realtà sociale nazionale costituita dai destinatari coinvolti.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.