Aps Fhenix – Progetto Time to Care

Sede legale: 
Via Sardegna, 19
Grottamainarda (AV)

Luogo di svolgimento progetto:
Via San Nicandro, 27
Napoli (NA)

Contatti:
aps.fhenix@libero.it
cell. 331 4273658

Pec:
aps.fhenix@pec.libero.it

Contesto sociale in cui si realizza il progetto

Il contesto territoriale nel quale si intende operare è il Rione Sanità – Quartiere Stella, quartieri afferenti alla Terza Municipalità di Napoli, dove si registra una situazione socio-economica purtroppo in contrasto con le bellezze storico-artistiche e culturali della città. 

Si tratta di una area difficile, profondamente segnata da fenomeni degenerativi a livello sociale e ambientale, che hanno più complessivamente coinvolto l’intero centro storico di Napoli. L’economia è essenzialmente legata al piccolo commercio, ma non riesce ad assorbire in maniera adeguata la domanda di lavoro. A questo contesto socio-economico fa da complemento una solida tradizione culturale che affonda le sue radici nella storia della città. 

L’analisi socio-ambientale mostra un crescente livello di disagio diffuso nella popolazione residente, in relazione soprattutto alle condizioni di disoccupazione che, ormai, tagliano trasversalmente la città ed il suo tessuto socio-economico. Si registrano condizioni di disoccupazione, accompagnata ad una condizione più generale di povertà che li colloca fuori dal mercato del lavoro “regolare” e dal sistema delle opportunità. Tale condizione riguarda anche la popolazione anziana, fortemente esposta al rischio di povertà e di marginalità sociale per le dinamiche di cambiamento interno alla società e alle famiglie. Il numero di persone ultrasessantenni non risulta essere esiguo rispetto all’intera fascia della popolazione, e registra comunque un costante aumento di domanda nel campo dei servizi socio-assistenziali ai quali il più delle volte non riescono ad accedere in virtù dei costi elevati. 
In altri casi, invece, oltre a problemi di natura economica vi sono anche problematiche relative alla sfera relazionale che risulta, per questa fascia della popolazione, piuttosto ristretta, in quanto hanno una rete familiare non in grado di sostenere in modo continuativo e adeguato il bisogno di relazioni sociali con il contesto di riferimento o di organizzare in maniera efficace alcune attività pratiche della vita quotidiana. 

Destinatari del progetto

I destinatari saranno le persone anziane (over 65) che necessitano sia di azioni di cura personale che di ripresa della socialità in questa fase di transizione dovuta all’emergenza sanitaria. 

Descrizione delle attività

Il progetto si svolgerà attraverso le seguenti attività che vedranno impegnati i diversi enti partecipanti alla rete sul territorio nazionale. di seguito riportiamo la tipologia di attività della rete e la tipologia delle azioni in cui verranno inseriti i giovani nel particolare territorio: 

RETE:
1) Attività di Coordinamento – verranno gestite a livello centrale le diverse dinamiche amministrative ed operative relative al progetto in modo da garantire in ogni territorio l’operatività dei giovani senza gravare amministrativamente sugli enti; 
2) condivisione di metodologie e strumenti tra i vari soggetti partecipanti alla rete. 

SUL CAMPO: 
i giovani saranno protagonisti del seguente panorama di azioni che sarà legato all’esperienza dell’ente socio presente sullo specifico territorio: 

1) Assistenza a domicilio per consegna di beni di prima necessità (alimenti, farmaci) o beni richiesti a cui è difficile accedere per questioni di sicurezza (libri, giornali, disbrigo delle pratiche quotidiane); 

2) attività di inclusione e partecipazione a eventi da remoto (facendo fronte alla non praticabilità degli anziani con i sistemi di webinar); 

3) Accompagnamento nelle attività quotidiane per supportare una partecipazione attiva degli anziani alle forme di socialità dovute all’emergenza Covid 19.

La caratteristica delle azioni è di rispondere ad un duplice bisogno: primo rispetto a tutte le persone anziane che vivono una situazione di estrema difficoltà (povertà), secondo rispetto al rischio di emarginazione e solitudine derivante dalle azioni tese a garantire la sicurezza sanitaria. 

Formazione dei giovani coinvolti

Sede: 
verrà privilegiata la formazione on-line: su tutto il territorio nazionale verranno effettuati gli interventi formativi attraverso la piattaforma ZOOM per consentire ai giovani di partecipare senza spostamenti sul territorio nazionale. Sede della Formazione: Ferrara, via G. Fabbri 414.

Argomenti:
Modulo 1: Accoglienza – L’incontro ha lo scopo di introdurre il giovane nell’opera che lo accoglie scoprendo i fattori che l’hanno generata; Conoscenza delle finalità di servizio in cui sono inseriti i giovani, delle attività svolte dalle sedi di attuazione progetto, strumenti e metodologie di lavoro. Analisi del progetto. Aiutare il giovane ad ambientarsi all’interno dell’ente e dello specifico servizio, attraverso la conoscenza del personale, degli spazi e delle attrezzature. 

Modulo 2: corso sicurezza in ambito di luoghi di lavoro (generale) e aspetti di sicurezza legati alle disposizioni in materia di COVID 19 .

Modulo 3: l’incontro ha lo scopo di comunicare ai volontari il valore positivo ed efficace di un lavoro di rete tra i soggetti che operano in un territorio o si occupano di ambiti comuni di intervento in contesti anche nazionali e sovranazionali a partire da uno scopo comune e valori comuni da condividere. Scopo è quello di chiarire il compito di una comunità. 

Totale ore di formazione:
30 ore